Panoramica: Società in Bulgaria

Le procedure commerciali, una volta entrata la Bulgaria nella Unione Europea, sono state rese di facile comprensione ed intuitive.
Per avviare una azienda, in via del tutto incipitaria, vi è bisogno di possedere una domiciliazione aziendale.
A differenza del domicilio civile, il domicilio fiscale riguarda anche i soggetti non persone fisiche.
Per le persone fisiche iscritte all'anagrafe dei residenti, il domicilio fiscale è nel comune in cui sono iscritti; per le persone fisiche non residenti, tassate sulla base del principio della fonte, il domicilio fiscale è nel comune il cui è prodotta la parte prevalente del reddito.
Per coloro che lavorano all'estero per l'Amministrazione pubblica o hanno trasferito la residenza in uno dei paesi in black list, il domicilio fiscale è nell'ultimo comune di iscrizione all'anagrafe.
Per i soggetti non persone fisiche, il domicilio è stabilito sulla base dei seguenti criteri nell'ordine in cui sono elencati:

1) Sede legale.
2) Sede amministrativa.
3) Sede secondaria o stabile organizzazione.
4) Comune in cui si svolge l’attività prevalente.
5) È stabilito per legge e, di norma, inderogabile.


Chiusa questa parentesi, se la sua sua società è bulgara, vi sono ovviamente delle restrizioni:
1) Non si potranno incassare i pagamenti su un conto italiano.
2) Non si potrà gestire la corrispondenza da una casella postale italiana.
3) Non si potranno indicare nei documenti numeri di telefono e fax collegabili ad utenze telefoniche italiane.


Chiariti questi aspetti, torniamo alle varie possibilità: il codice civile Bulgaro prevede la costituzione di diversi tipi di società, tra le quali le più prominenti e vantaggiose sono:

1) Società a responsabilità limitata (S.r.l.)
2) Società per azioni (s.p.a.)
3) Società per azioni anonima con azioni al portatore

Prima di passare in rassegna nel dettaglio le diverse forme giuridiche, bisogna premettere che per costituire un’azienda è necessario porsi dinanzi ad un notaio con lo Statuto del Paese vigente. Tutti gli atti che produciamo vengono redatti in doppia lingua, con l’atto diviso in due colonne: una in bulgaro, l’altra con la traduzione relativa ai sensi degli Artt. 54 e 55 della legge notarile.
 Successivamente, stabilita la tipologia della società fondata, si dispone il capitale, se previsto dalla natura della stessa (es: per la s.p.a. dovrà essere versato il 25% del totale).
L’acconto verrà dato al momento della costituzione dell’atto notarile, saldando il totale entro e non oltre i due anni.
Arriviamo dunque al secondo passaggio: la nomina di un rappresentante legale ed un amministratore, scegliendo sia una sede legale che operativa.
In seguito all’approvazione dell’atto notarile, tutta la documentazione dovrà essere registrata presso l’ufficio locale di tassazione, avvertendo anche l’ufficio doganale  se la società conta di organizzare scambi con l’estero.

La tassazione bulgara è pari al 10% fisso.

Ricapitolando:
1) Deposito del nome dell’azienda.
2) Capitale sociale e sua eventuale suddivisione in quote.
3) Sede legale.
4) Elenco dei  Soci.
5) Oggetto sociale.
6) Amministratore o consiglio deputato all’amministrazione della società.
7) Sua durata.

 

Apertura e vantaggi di una s.r.l bulgara (EOOD)

La S.r.l. bulgara (EOOD) è disciplinata dalla legge commerciale bulgara del 1991, modificata nel 2007, a seguito dell’accesso dello Stato all’interno dell’Unione Europea.
L’istituto in esame consente l’esercizio dell’attività d’impresa garantendo il beneficio dell’autonomia patrimoniale perfetta; ne consegue la responsabilità limitata del socio al solo conferimento posto in essere all’atto della costituzione della società o al momento dell’ingresso all’interno della compagine sociale.
Il capitale sociale minimo previsto dal diritto bulgaro è di 2 лв (1€), suddivisibile in un massimo di quattro parti, con possibilità di versare il 25% al momento della costituzione e la restante parte nei due anni successivi.
La costituzione della S.R.L. bulgara non necessita della presenza del socio al momento dell’apertura in loco; servirà, infatti, esibire soltanto una carta di identità in corso di validità.
Nel caso in cui sia aperta da una società italiana od europea, dovrà esser presentato il certificato di iscrizione della società nell’apposito registro ed il documento di identità di un amministratore della stessa.
Alcuni tra i vantaggi dell’apertura di una tale forma di società nello Stato bulgaro sono qui di seguito elencati:
1) Il regime fiscale agevolato consente il pagamento di una tassa sull’utile netto pari al 10% dell’utile stesso, con una tassazione dei dividendi netti pari al 5% dei medesimi (se il socio è residente in Bulgaria);
2) Sono previste ulteriori agevolazioni fiscali per coloro che decidano di investire in alcune aree depresse individuate dalla legge bulgara; in tale ipotesi vi sarà un’ esenzione dalle tasse con un obbligo di reinvestimento della somma non pagata al Fisco all’interno dell’area in questione.
3) La possibilità di iscrizione al VIES (VAT Information Exchange System) consentirà l’emissione di fatture senza IVA all’interno degli scambi comunitari (per maggiori informazioni consultare l’apposita voce).
4) L’assegnazione di un codice EOORI può consentire lo sdoganamento della merce in qualsiasi punto dell’U.E. pagando l’IVA secondo l’importo stabilito dal diritto bulgaro (per approfondimenti consultare la voce apposita).
Il tutto per garantire l’ingresso all’interno di un Paese dell’U.E. presente in “white list”, nel rispetto del principio fondamentale comunitario di libero interscambio di persone, beni e servizi.
Offriamo inoltre servizi di domiciliazione della società in loco con uffici e personale pronto a ricevere ed inviare qualsiasi documentazione, al fine di garantire il rispetto della normativa Bersani in materia di estero vestizione; nel servizio da noi offerto è prevista anche la possibilità di aiuto nella gestione contabile della costituenda società nel rispetto della normativa bulgara, con l’ausilio di validi professionisti sul territorio.
Ci teniamo a ricordare, noi membri dello staff, che tale pagina rappresenta una generica linea-guida; per più specifici interventi sul Suo caso, la invitiamo a contattarci tramite e-mail o telefono e fisseremo il più velocemente possibile un incontro per dissipare ogni eventuale perplessità.

 

Costituzione S.P.A. con  AZIONI AL PORTATORE 

La S.P.A. bulgara (AD) risponde ad esigenze più complesse rispetto alla S.R.L. ;

tale forma giuridica, infatti, garantisce una notevole flessibilità di gestione, tramite meccanismi di ripartizione dei poteri a due o tre livelli. A questo vantaggio si affiancano tuttavia maggiori costi costitutivi e gestionali: il capitale sociale minimo previsto dal diritto bulgaro è di 50.000 лв (25.000€), di cui 6.200€ debbono esser versati al momento dell’apertura, con i restanti nell’arco del biennio successivo. Per la costituzione della società non è necessaria la presenza in loco del titolare, con l’unico dovere di esibire una carta di identità in corso di validità o tutta la documentazione inerente all’amministrazione della società e la carta di identità di un amministratore.
Il grande vantaggio di questo tipo di società è la possibilità (unica nell’Unione Europea) di emettere azioni al portatore per il 100% del capitale sociale, rendendo in tal modo anonima la società: le azioni al portatore, difatti, consentono l’esercizio dei poteri concernenti la partecipazione sociale al materiale detentore del titolo cartaceo, costituente la partecipazione stessa. In altre parole, il nome del socio non sarà presente né sul titolo né tantomeno sui libri sociali, rilevando unicamente il possesso del suddetto documento.
L’unico nome presente sui registri sarà il nome dell’amministratore, il quale potrà esser anche un non-socio, con l'obbligo di assunzione da parte della società.

Non sarà necessaria l'esibione dei documenti da parte dell'effettivo titolare.
Ovviamente è consentita l’emissione di titoli azionari nominativi.
Per quanto concerne ulteriori vantaggi, la invitiamo a riferirsi a quanto già analizzato in materia di S.R.L.


 

Registrazione di Associazioni

Le associazioni nel diritto bulgaro rappresentano degli strumenti ideali, godendo di autonomia giuridica e di una gestione contabile semplificata; esse vantano costi di registrazione e di gestione, infatti, estremamente limitati.
Sarà necessario comunicare soltanto le generalità del presidente; la tenuta del libro degli associati verrà svolta in completa autonomia dall’associazione.
 Tale ente potrà esser intestatario di veicoli, natanti ed altre proprietà.
Anche in questo caso sarà per Noi possibile coadiuvarvi via delega, senza la necessità di alcuna presenza del diretto interessato in loco.

 

Iscrizione al VIES

“Il V.I.E.S. (VAT Information Exchange System) è un sistema informatizzato che consente alle aziende di ottenere rapidamente la conferma delle partite IVA dei propri clienti ed alle amministrazioni di controllare il flusso degli scambi intra-comunitari, rilevando eventuali irregolarità” (fonte Wikipedia).
Il nuovo sistema IVA prevede che le cessioni infracomunitarie di beni siano esenti da IVA nello Stato di appartenenza del cedente. L’IVA sarà pagata soltanto al momento dell’arrivo nel Paese di destinazione (nel nostro caso, la Bulgaria, dove è bene ricordare che L’IVA è fissata al 10%); nota bene però che ambo i soggetti contraenti dovranno essere iscritti al registro in esame.
Noi offriamo la possibilità di iscrivere la società bulgara nel registro V.I.E.S., impegnandoci ad assistervi in ogni pratica obbligatoria successiva ad una operazione intra-comunitaria.

 

Assegnazione codice EORI

Il Codice EORI consente di porre in essere importazioni di beni al di fuori dell’area comunitaria, consentendo lo sdoganamento della merce in qualunque porto dell’UE, pagando l’Iva al valore della medesima del paese cui appartiene la società assegnataria del codice in esame. Noi siamo in grado di richiedere tale codice a nome della società bulgara, su richiesta del cliente.

Occore ricordare, infatti, che i dazi doganali sono sì ammortizzati in tutti i paesi dell’UE, ma l’iva soggiace sempre al regime del paese cui l’impresa importatrice fa riferimento.

L’assegnazione di tale codice consente alle imprese di import-export di ammortizzare in maniera rilevante i costi inerenti tali operazioni. 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© CM consulting eood 2017